Gli sviluppatori della Fondazione Mozilla hanno reso disponibile Firefox 113, nuova versione del noto browser Open Source ora coinvolto in un ciclo di rilasci mensile. A differenza di quanto accaduto con Firefox 112, questo aggiornamento presenta un maggior numero di feature aggiuntive.

Supporto per le immagini AVIF

Tra le novità di questa release troviamo innanzitutto un supporto migliorato per le immagini AVIF con compressione AV1 e formato contenitore HEIF. Queste ultime si presentano come alternativa a HEIC che utilizza invece HEVC per la compressione. Rispetto ad altre soluzioni tradizionali per il Web come JPEG, AVIF si è dimostrato più performante sia nel rendering dei dettagli che nella gestione del colore.

Importazione dei preferiti

L’importazione di Preferiti da browser basati sulla stessa codebase di Google Chrome è stata ulteriormente migliorata. A ciò si aggiunge anche la possibilità di importare le favicon dei Preferiti stessi in modo da favorire l’identificazione dei siti Web.

Generatore di password

Da segnalare anche l’implementazione di un generatore di password più sicuro rispetto al passato. A questo proposito è utile notare l’inclusione dei caratteri speciali all’interno degli output con la possibilità di utilizzare credenziali più complesse e quindi più difficili da violare.

Funzionalità per i video

Firefox 113 presenta anche alcune nuove funzionalità dedicate alla riproduzione dei filmati. Tra queste ultime è possibile citare una modalità Picture-in-Picture molto più completa. Essa consente di “riavvolgere” un video o avanzare nella visualizzazione, anche utilizzando i tasti di direzione verso destra e sinistra, attivare o disattivare i sottotitoli, abilitare la visione a schermo intero o verificare la durata complessiva del contenuto in playback.

Novità per gli sviluppatori

Per quanto riguarda il coding, la nuova versione del “Panda Rosso” introduce il supporto per scripting nelle Media Query CSS e per la proprietà forced-color-adjust. Stesso discorso per i moduli ES ora importabili nei worklet.

I tipi mozRTCPeerConnection, mozRTCIceCandidate e mozRTCSessionDescription sono stati rimossi. Si tratta in ogni caso di costrutti deprecati e ormai sostituiti da varianti prive di prefisso.



Articolo originale fonte

html.it