[ad_1]

Durante un evento speciale dedicato, Microsoft ha appena annunciato nuove importanti disposizioni per la sostenibilità futura.

16 GIUGNO 2023 | A tre anni e mezzo dall’annuncio di voler azzerare le proprie emissioni di CO2 l’ambizioso obiettivo potrebbe non essere raggiunto entro il 2030 come originariamente prefissato. Secondo una nuova inchiesta di TheVerge le emissioni globali di Microsoft non starebbero diminuendo abbastanza, sebbene quelle prodotte direttamente sia in diminuzione. Il problema principale risiederebbe nelle emissioni prodotte dai fornitori, oltre il 90 % del totale, che non farebbero abbastanza per abbattere l’utilizzo di combustibili fossili ma in alcuni casi ne avrebbero anche incrementato l’uso. Il rapporto è ben visibile nel grafico sottostante.

Microsoft vuole aspirare 45 anni di CO2

Microsoft ha comunicato che si impegnerà a ridurre a zero le emissioni di anidride carbonica prodotta direttamente o indirettamente da qui al 2030. Ma l’azienda di Redmond ha un progetto ancora più ambizioso di eliminare entro il 2050 le emissioni prodotte nei suoi 45 anni di attività a partire dalla sua fondazione nel 1975. Inoltre, Microsoft vuole finanziare un fondo di 1 miliardo di Dollari per aiutare i propri clienti e partner a ridurre le emissioni.

Il consenso scientifico è chiaro. Il mondo affronta un urgente problema di carbonio. Il carbonio nella nostra atmosfera ha creato una coltre di gas che intrappola il calore e sta cambiando il clima del mondo. La temperatura del pianeta è già aumentata di 1 grado centigrado. Se non freniamo le emissioni e le temperature continuano a salire, la scienza ci dice che i risultati saranno catastrofici.

Come ha concluso la comunità scientifica, l’attività umana ha rilasciato nell’atmosfera terrestre più di 2 trilioni di tonnellate di gas serra dall’inizio della prima rivoluzione industriale a metà del 1700. Oltre i tre quarti di questo è anidride carbonica, con la maggior parte di questo carbonio emesso dalla metà degli anni ’50. Questo è più carbonio di quanto la natura possa riassorbire e ogni anno l’umanità pompa nell’aria oltre 50 miliardi di tonnellate di gas serra aggiuntivi. Questo non è un problema che dura alcuni anni o addirittura un decennio. Una volta che l’eccesso di carbonio entra nell’atmosfera, possono essere necessari migliaia di anni per dissiparsi.

Gli esperti climatici di tutto il mondo concordano sul fatto che il mondo deve agire con urgenza per ridurre le emissioni. In definitiva, dobbiamo raggiungere emissioni “nette zero”, il che significa che l’umanità deve rimuovere la quantità di carbonio emessa ogni anno. Ciò richiederà approcci aggressivi, nuove tecnologie che non esistono oggi e politiche pubbliche innovative. È un obiettivo ambizioso, persino audace, ma la scienza ci dice che è un obiettivo di fondamentale importanza per ogni persona viva oggi e per ogni generazione da seguire.

Mentre il mondo dovrà raggiungere lo zero netto, quelli di noi che possono permettersi di muoversi più velocemente e andare oltre dovrebbero farlo. Ecco perché oggi stiamo annunciando un obiettivo ambizioso e un nuovo piano per ridurre e infine eliminare l’impronta di carbonio di Microsoft.

Entro il 2030 Microsoft sarà a emissioni zero e entro il 2050 Microsoft rimuoverà dall’ambiente tutto il carbonio che l’azienda ha emesso direttamente o per consumo elettrico dalla sua fondazione nel 1975.

Riconosciamo che il progresso richiede non solo un obiettivo audace ma un piano dettagliato. Come descritto di seguito, lanciamo oggi un programma aggressivo per ridurre di oltre la metà le nostre emissioni di carbonio entro il 2030, sia per le nostre emissioni dirette che per l’intera catena di fornitura e valore. Finanzieremo questo in parte espandendo la nostra tassa sul carbonio interna, in vigore dal 2012 e aumentata lo scorso anno, per iniziare a caricare non solo le nostre emissioni dirette, ma anche quelle delle nostre catene di approvvigionamento e di valore.

Stiamo inoltre lanciando un’iniziativa per utilizzare la tecnologia Microsoft per aiutare i nostri fornitori e clienti in tutto il mondo a ridurre le proprie impronte di carbonio e un nuovo fondo per l’innovazione climatica da 1 miliardo di dollari per accelerare lo sviluppo globale delle tecnologie di riduzione, cattura e rimozione del carbonio. A partire dal prossimo anno, faremo anche della riduzione del carbonio un aspetto esplicito dei nostri processi di approvvigionamento per la nostra catena di approvvigionamento. I nostri progressi su tutti questi fronti saranno pubblicati in un nuovo Rapporto annuale sulla sostenibilità ambientale che illustrerà in dettaglio il nostro percorso di riduzione e impatto del carbonio. Infine, tutto questo lavoro sarà supportato dalla nostra voce e sostegno a sostegno delle politiche pubbliche che accelereranno le opportunità di riduzione e rimozione delle emissioni di carbonio.

Trovate maggiori dettagli sull’argomento a questo indirizzo. Cosa ne pensate dell’impegno di Microsoft per proteggere l’ambiente? Ditecelo nei commenti.

Articolo di Windows Blog Italia

[ad_2]

Articolo e Dominio Originali/fonte

Affiliate Alcuni dei link contenuti in questo Sito (tivustream.com) sono link di affiliazione in caso di acquisto/sottoscrizione TivuStream percepisce una commissione commisurata al tipo e durata dell’acquisto/sottoscrizione.
Views: 0

0 Comments

Leave a Reply

Avatar placeholder

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.