Ultimo aggiornamento:

Come annunciato sulla pagina GitHub ufficiale è stata ufficialmente rilasciata la versione 2.1 di Rescuezilla. Definito dagli stessi sviluppatori come il coltellino svizzero per il ripristino dei sistemi, si tratta di un software open source completamente compatibile con Clonezilla.

Rescuezilla: come Clonezilla ma più semplice ed immediato

Rescuezilla è un fork di Redo Rescue, noto live system di backup e ripristino basato su Debian GNU/Linux. Obiettivo principale di Rescuezilla è quello di fornire un’alternativa a Clonezilla, considerato uno standard da moltissimi tecnici del settore. Gli sviluppatori, quindi, da un lato hanno cercato di rendere l’esperienza d’uso più semplice ed immediata possibile, dall’altro hanno mantenuto la completa interoperabilità con Clonezilla. Ciò significa che Rescuezilla può ripristinare i backup creati da Clonezilla e viceversa.

rescuezilla image explorer

Una delle più grandi novità di questo rilascio di Rescuezilla, è l’introduzione dell’Image Explorer. Questo strumento, ancora in beta, semplifica l’estrazione di file dalle immagini di backup, consentendo di montare immagini partclone. Attualmente si basa su partclone-nbd, ma le versioni future saranno basate sul più popolare partclone-utils, che può anche montare immagini ntfsclone.

rescuezilla open source clonezilla alternative

Image Explorer è estremamente veloce nell’accedere a file molto grandi da immagini non compresse create dall’Expert Mode di Clonezilla. Per accedere a immagini compresse di dimensioni superiori a 50 GB, tuttavia, i tempi richiesti sono maggiori. Questo gap è dovuto all’utilizzo di gzip per la compressione. Le versioni future di Rescuezilla, invece, passeranno ad un formato di compressione più veloce.

rescuezilla open source clonezilla alternative partitions

Presto anche in italiano

Il programma è più interattivo e mostra maggiori dettagli sullo stato di avanzamento durante le operazioni di interrogazione dell’unità e di scansione delle immagini. Sono stati risolti anche diversi bug, con conseguenti migliorie nella scansione delle immagini create con le versioni precedenti di Rescuezilla.

Vedi anche

ip

Aggiunte, infine, le nuove traduzioni in Portoghese, Brasiliano e Polacco. Con la release della versioen 2.1.1 di Rescuezilla è stata implementata anche la traduzione in italiano. Potete scaricare l’immagine da questo link.

sha256sum:
79dcbf7944722be1f590d2aa53fa9e7b394e955c00d9545e3014ade7cd9feac9 rescuezilla-2.1.1-64bit.groovy.iso
161303ddd6ac6adb2c0404f53a2fc954ca7051a6c336989a56272edc4e2f10ed rescuezilla-2.1.1-64bit.focal.iso

sha1sum:
6f08a98d4a8c3f9b167fdd27b059382bb829faf7 rescuezilla-2.1.1-64bit.groovy.iso
1941f008ed2aa896bcf6c5156a29b6450ed2f92e rescuezilla-2.1.1-64bit.focal.iso

md5sum:
155c6e3fe04a93d5bffd20e53f7ee0b5 rescuezilla-2.1.1-64bit.groovy.iso
370dfdc26ec8f3c202dd67483c2cc280 rescuezilla-2.1.1-64bit.focal.iso

Per avere maggiori informazioni sul funzionamento di Rescuezilla e per il download del software, vi rimando al sito web del progetto.

sharing-caring-1Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.



https://www.lffl.org/

Articolo Originale-Fonte


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »