Roberto Artigiani


Google dice addio ai “sogni ad occhi aperti” in Realtà Virtuale

Lo scorso ottobre, con l’avvento di Android 11, Google ha ufficialmente annunciato che avrebbe terminato il supporto a Daydream, il suo visore per la realtà virtuale. Oggi, a distanza di qualche mese, gli utenti del gadget avranno notato l’impossibilità di accedere al Play Store o alle varie funzioni dell’app Discovery.

Se una volta indossato notate l’avviso “Ci spiace, c’è un problema” è inutile che tentiate di cliccare sul pulsante riprova perché non avrà alcun effetto. Questa brutta notizia, per quanto annunciata, lascia gli utenti ufficialmente privi di supporto, tuttavia il visore può normalmente continuare a funzionare regolarmente e le applicazioni di terze parti non dovrebbero avere difficoltà a girare in maniera regolare.

LEGGI ANCHE: Ora Gmail vibra a ogni swipe

La mossa è parte del disinvestimento portato avanti da BigG negli ultimi anni nei confronti delle sue “avventure di gioventù” nel mondo della realtà virtuale. Sembra che ora che Google/Alphabet sia diventata una “società adulta” i suoi interessi siano tutti indirizzati verso la realtà aumentata, sviluppata basata sugli smartphone e senza il bisogno di strumenti accessori.

GRUPPO FACEBOOK DI SMARTWORLD

CANALE TELEGRAM OFFERTE

Via: 9To5Google





https://www.androidworld.it/

Articolo Originale-Fonte


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »