Il team di coder Mozilla ha pubblicato la nuova stable release del browser del Panda Rosso. Firefox 113 implementa una serie di novità interessanti che migliorano il workflow dell’utente e la relativa UX (User Experience). Ad esempio in tale build  è arrivato il supporto per le immagini AVIS. Tale formato è in buona sostanza il normale AV1 ma include anche una qualche tipologia di animazioni, ovvero le animated AV1 images. Sempre in Firefox 113 è presente il nuovo password generator che implementa i caratteri speciali in modo tale da creare delle credenziali d’accesso più robuste e meno soggette a possibili attacchi di varia natura.

Firefox 113 dispone di una modalità PiP (Picture-in-Picture) aggiornata che permette agli utenti di eseguire il rewind dei video. Oltretutto in tale build è possibile verificare agilmente il minutaggio e la durata rimanente del filmato riprodotto all’interno PiP mode. È stato anche aggiunto un pulsante per entrare più rapidamente in modalità fullscreen.

In Firefox 113 per Android, il sistema operativo mobile sviluppato da Google, è presente il supporto all’hardware-accelerated AV1 video decoding. Tale configurazione è abilitata di default su tutti i device che supportano l’accelerazione hardware con il formato AV1, alternativamente Firefox abilitata invece il software deconding. Inoltre è stato attivato il supporto per il  GPU-accelerated Canvas2D.

In questa versione i developer hanno inserito anche delle migliorie per quanto concerne la UI (User Interface) del lettore PDF integrato in Firefox. È stato infatti semplificato il processo di salvataggio dei documenti in tale formato che è ormai lo standard de facto quando si tratta di condividere della documentazione.

Altra novità interessante riguarda l’inserimento del supporto per diverse feature di WebRTC, ovvero una tecnologia open source che consente ai browser di effettuare delle videochiamate senza dover installare plugin di terze parti o software dedicati, che vanno a migliorare le prestazioni del browser durante le videocall.



Articolo originale fonte

html.it