Prosegue la fase 1 del rilascio delle frequenze della banda 700 relative alle aree ristrette. Dopo le province sarde di Oristano e Sassari, dal 3 febbraio all’8 maggio in Liguria, tutte le province, Imperia, Savona, Genova e La Spezia, alcuni canali televisivi nazionali e locali (attualmente diffusi sui canali UHF dal 50 al 53, che, attenzione non sono il numero del telecomando di casa, ndr) saranno progressivamente associati a diverse frequenze di trasmissione.

I cittadini utenti che dovessero vedere apparire lo schermo nero su alcuni programmi, per ora dovranno semplicemente procedere alla ri-sintonizzazione del proprio televisore, per continuare ad accedere a tutta l’offerta televisiva del digitale terrestre. Negli apparecchi televisivi di recentissima generazione, con la transizione di frequenza, la risintonizzazione dovrebbe avvenire automaticamente. Dovranno, quindi, farla manualmente solo coloro che dovessero veder apparire lo schermo nero al posto del programma prescelto.

Si tratta di una migrazione provvisoria che, nelle province liguri interesserà i programmi trasmessi dai multiplex nazionali DFree e Mediaset 1, e quelli locali (Telestar e Beacom) , come da dettaglio di seguito.

MUX Mediaset 1

  • Premium Emotion (sul telecomando n. 455)
  • Premium Action (459)
  • Premium Crime (460)
  • Premium Stories (462)
  • Sky Sport 24 HD (471)
  • Sky Sport Serie A HD (473)
  • Sky Sport Serie A (483)
  • Sky Sport (484 e 485)

MUX DFree

  • Sportitalia (n.60 sul telecomando)
  • Mediaset Italia Due (66)
  • Padre Pio TV (145)
  • TV 153 (153)
  • TV 243 (243)
  • Radio Zeta (266)
  • Premium Cinema (463)
  • Premium Energy (464)
  • Premium Comedy (466)
  • Mediaset Italia Due (566)
Banda 700, continua in Liguria la fase 1 del rilascio frequenze

Per quanto riguarda l’offerta locale i canali coinvolti (con relativa collocazione sul telecomando) sono quelli che risultano dal grafico che segue.

Banda 700, continua in Liguria la fase 1 del rilascio frequenze

Come sempre in questi casi suggeriamo nelle zone coinvolte la risintonizzazione automatica/completa delle frequenze del proprio tv/decoder in modo da poter essere sicuri di “agganciare” in maniera corretta i parametri tecnici di tutti i canali interessati al cambiamento.

Fonte: https://www.digital-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate site »